Diffusione auto elettriche rallentata da concessionari auto

Diffusione auto elettriche rallentata da concessionari auto

Secondo un nuovo studio, i concessionari di auto creerebbero delle barriere alla diffusione di veicoli elettrici con informazioni ingannevoli e con scarsa conoscenza delle recenti tecnologie

di pubblicata il , alle 16:21 nel canale Tecnologia
 

Il dato emerge da uno studio realizzato dai ricercatori delle Università di Aarhus, Danimarca, e del Sussex. I concessionari di auto sarebbero una delle cause della lenta diffusione dei veicoli elettrici di nuova generazione, secondo quanto hanno rilevato i ricercatori. Lo studio si basa su "126 esperienze di acquisto presso 82 concessionari di automobili in Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia e Svezia".

"La maggior parte dei consumatori non dispone di conoscenze pregresse sui veicoli elettrici e questo consente alle concessionarie di auto di influenzare fortemente le decisioni di acquisto", si legge nello studio pubblicato su Nature Energy. "I concessionari di automobili rappresentano una barriera significativa nei punti vendita a causa di una percepita mancanza di fattibilità del business in rapporto alla convenienza dei veicoli a benzina e diesel".

E ancora: "Abbiamo scoperto che i concessionari di automobili erano sprezzanti nei confronti dei veicoli elettrici, disinformando i clienti sulle specifiche dei veicoli e non erano predisposti ad avviare una conversazione sugli EV il che orientava i clienti verso i veicoli a benzina e diesel. L'orientamento sulle questioni tecnologiche dei concessionari, la disponibilità a vendere e la conoscenza dei veicoli elettrici sono stati i principali contributi di influenza rispetto alle intenzioni di acquisto".

Lo studio non tratta tutti i paesi esaminati nello stesso modo. Ad esempio, in Norvegia, dove il tasso di adozione degli EV è molto alto, ha registrato un'esperienza di acquisto molto diversa da quella tratteggiata prima. I rivenditori norvegesi dimostrano di avere maggiori conoscenze sulle recenti tecnologie.

Concessionari auto

Alcuni brand che investono molto sui veicoli elettrici, come Tesla, fanno riferimento a concessionarie di proprietà dell'azienda, fra le altre ragioni anche per questo motivo. Ovviamente lo studio non va inteso in senso generalistico: non tutti i concessionari sono scarsamente istruiti sull'elettrico e non tutti hanno una predisposizione disfattista.

Allo stesso tempo, l'obiettivo principale dei concessionari è vendere innanzitutto i veicoli che hanno subito a disposizione, e molto spesso si tratta di veicoli a combustione fossile. Essendoci oggi pro e contro nell'acquisto di un veicolo elettrico, con i vantaggi dell'elettrico che diventano gli svantaggi del fossile, e viceversa, i concessionari hanno ampio margine operativo nel processo decisionale dei clienti. Si trovano, allo stesso tempo, in una posizione delicata, che potrà cambiare solamente nel momento in cui i produttori inizieranno a inviare volumi importanti di veicoli elettrici pronti alla vendita.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

157 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7722 Maggio 2018, 16:35 #1
Boh.
Mi pare piuttosto che a bloccare i veicoli elettrici siano le case di produzione stesse.

Prendiamone una a caso, la Citroen:
una C1 (piccola utilitaria da città a benzina costa sugli undicimila euro poco meno.
una C zero (altrettanto piccola scatoletta da città ELETTRICA costa PIU' DI TRENTAMILA EURO.

Quanti secoli ci metto a coprire ventimila euro e passa risparmiando sul pieno??
E poi perchè mai dovrei pagare una scatoletta utilitaria come una berlina???

Altro che concessionari.
appleroof22 Maggio 2018, 16:50 #2
Originariamente inviato da: demon77
Boh.
Mi pare piuttosto che a bloccare i veicoli elettrici siano le case di produzione stesse.

Prendiamone una a caso, la Citroen:
una C1 (piccola utilitaria da città a benzina costa sugli undicimila euro poco meno.
una C zero (altrettanto piccola scatoletta da città ELETTRICA costa PIU' DI TRENTAMILA EURO.

Quanti secoli ci metto a coprire ventimila euro e passa risparmiando sul pieno??
E poi perchè mai dovrei pagare una scatoletta utilitaria come una berlina???

Altro che concessionari.


quoto, aggiungici -almeno in Italia- la mancanza di una infrastruttura capillare per ricaricare le macchine (nella città dove vivo poi c'è enorme carenza di box privati, le auto sono al 70% parcheggiate in mezzo alla strada), aggravata dalla scarsa autonomia delle attuali macchine
acerbo22 Maggio 2018, 16:59 #3
Originariamente inviato da: demon77
Boh.
Mi pare piuttosto che a bloccare i veicoli elettrici siano le case di produzione stesse.

Prendiamone una a caso, la Citroen:
una C1 (piccola utilitaria da città a benzina costa sugli undicimila euro poco meno.
una C zero (altrettanto piccola scatoletta da città ELETTRICA costa PIU' DI TRENTAMILA EURO.

Quanti secoli ci metto a coprire ventimila euro e passa risparmiando sul pieno??
E poi perchè mai dovrei pagare una scatoletta utilitaria come una berlina???

Altro che concessionari.


infatti.
una renault zoe viene non meno di 28.000 euro, con 16.000 euro prendi una yaris ibrida, con i 12.000 euro di differenza ci metti il pieno e ci fai i tagliandi per tutta la durata dell'auto e non devi romperti a cercare le colonnine di ricarica e aspettare il tempo necessario.
Per ora l'elettrico resta una roba per ecologisti disposti a farsi carico delle spese di una nuova tecnologia ancora in via di sviluppo
s0nnyd3marco22 Maggio 2018, 17:04 #4
Che ricerca insulsa. Ovviamente i concessionari, visto che devono vendere per fare profitto, fanno proposte sensate ai propri clienti.

I veicoli elettrici non semplicemente fuori mercato per via dei prezzi altissimi rispetto ad un veicolo di stessa categoria con il motore termico. Inoltre ci sono tutti i limiti teconologici: infrastruttura della rete elettrica, punti di ricarica e tempi di ricarica.

Probabilmente chi ha fatto questa ricerca e' il classico eco-idealista senza una chiara visione di come vanno le cose.
domthewizard22 Maggio 2018, 17:04 #5
e vogliamo parlare delle smart che costano più di 20k€ e hanno 150km di autonomia?
s0nnyd3marco22 Maggio 2018, 17:05 #6
Originariamente inviato da: domthewizard
e vogliamo parlare delle smart che costano più di 20k€ e hanno 150km di autonomia?


Vero! Ho dimenticato l'autonomia ridicola.
\_Davide_/22 Maggio 2018, 17:08 #7
Senza contare che puntando all'elettrico si sposta la produzione di motori e batterie in Cina, mentre, in Italia, la corrente arriverebbe subito a costare più di un normale pieno di carburante fossile.

Dubito che se ci fosse un passaggio di massa all'elettrico si riesca ad ammortizzare la spesa

Probabilmente i concessionari sono solo realisti.
domthewizard22 Maggio 2018, 17:09 #8
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Vero! Ho dimenticato l'autonomia ridicola.

quello è il fattore più determinante, significa che se da napoli vado a benevento poi devo fermarmi a dormire lì perchè devo aspettare che si ricarichi la batteria, quello che uno risparmia sul pieno di benzina lo deve pagare in albergo



che poi non sono ferratissimo in materia ma tra colonnine da installare tipo quella bmw, il costo dell'elettricità e il canone fisso (che immagino sia una tariffa a parte rispetto a quella domestica) effettivamente quanto si risparmia rispetto ad un'auto col serbatoio da 40l e che riesce a fare 20-25km/l?
\_Davide_/22 Maggio 2018, 17:12 #9
Originariamente inviato da: domthewizard
effettivamente quanto si risparmia rispetto ad un'auto col serbatoio da 40l e che riesce a fare 20-25km/l?


Una mazza!

Per il resto io ho un serbatoio da 68 L e una media di 23 Km/L; non so come farei con una auto ricaricabile. Il telefono ed il portatile mi bastano e avanzano
coschizza22 Maggio 2018, 17:12 #10
Originariamente inviato da: demon77
Boh.
Mi pare piuttosto che a bloccare i veicoli elettrici siano le case di produzione stesse.

Prendiamone una a caso, la Citroen:
una C1 (piccola utilitaria da città a benzina costa sugli undicimila euro poco meno.
una C zero (altrettanto piccola scatoletta da città ELETTRICA costa PIU' DI TRENTAMILA EURO.

Quanti secoli ci metto a coprire ventimila euro e passa risparmiando sul pieno??
E poi perchè mai dovrei pagare una scatoletta utilitaria come una berlina???

Altro che concessionari.

le batteri costano come meta macchina ma questo non dipende da loro mica possono venderla in perdita

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^