Le auto elettriche faranno abbassare i costi dell'elettricità nel lungo periodo, secondo 3 studi

Le auto elettriche faranno abbassare i costi dell'elettricità nel lungo periodo, secondo 3 studi

Le auto elettriche potrebbero contribuire a ridurre le tariffe elettriche migliorando l'utilizzo dell'infrastruttura di rete, secondo tre recenti studi riassunti dal Consiglio Americano per un'Economia Energeticamente Efficiente (ACEEE), un'organizzazione di advocacy per le politiche energetiche.

di pubblicata il , alle 14:31 nel canale Auto Elettriche
 

Secondo gli studi del Consiglio Americano per un'Economia Energeticamente Efficiente (ACEEE) la maggiore diffusione delle auto elettriche contribuirà a un migliore uso dell'infrastruttura e a costi di produzione dell'elettricità minori. Prezzi più bassi per kWh per i costruttori automobilistici, infine, si tradurranno in vantaggi anche per i consumatori finali.

Il primo studio esaminato dall'ACEEE è stato pubblicato nell'aprile 2023 da Synapse Energy Economics. Ha indagato sugli investimenti in infrastrutture di ricarica per i camion elettrici e l'impatto che l'elettrificazione dei camion ha comportato sulle tariffe delle due più grandi aziende di servizi pubblici dello Stato di New York. Si è scoperto che gli investimenti di entrambe le aziende hanno portato a ricavi maggiori e un ciclo virtuoso che ha consentito di applicare una leggera riduzione alle tariffe.

Il secondo studio, condotto dal Lawrence Berkeley National Laboratory e pubblicato nel febbraio 2023, evidenzia come varie percentuali di penetrazione del mercato delle auto elettriche e l'impatto sulla domanda che queste comportano in termini di uso della rete elettrica potrebbero portare ad alcuni aumenti delle tariffe nei primi anni a causa del front-loading dei costi per ospitare una maggiore ricarica di veicoli elettrici e delle insufficienti entrate nella fase iniziale, ma diminuzioni delle tariffe negli anni successivi con l'accumulo dei ricavi.

In uno studio condotto su New York e pubblicato a dicembre 2022, Synapse ha anche esaminato i costi e i ricavi associati agli EV nelle aree di servizio delle tre più grandi aziende di servizi pubblici della California dal 2012 al 2021. Lo studio ha rilevato che, nel corso di questo periodo, i conducenti di veicoli elettrici hanno "contribuito con circa 1,7 miliardi di dollari in più in ricavi rispetto ai costi associati", portando così a una riduzione delle tariffe per tutti i clienti dei servizi pubblici. Ciò è dovuto al fatto che solo dall'8% al 17% della ricarica di auto elettriche avveniva durante le ore di punta.

Gli studi dimostrano che gli investimenti sulle infrastrutture si traducono in maggiori ricavi (seppure i rialzi siano moderati) e nelle condizioni per poter ridurre le tariffe. Servizi pubblici meno costosi potrebbero a loro volta rimuovere un ostacolo per un'ulteriore adozione di veicoli elettrici. Un migliore utilizzo della rete elettrica, con la concentrazione delle ricariche nei periodi più congeniali della giornata, e una maggiore adozione di veicoli elettrici potrebbero portare a una riduzione dei costi che può innescare effetti virtuosi. Allo stesso tempo, le preoccupazioni sui costi continuano a provocare un calo dell'interesse per le auto elettriche, in quella che rimane una fase difficile della transizione.

21 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
TorettoMilano16 Gennaio 2024, 14:35 #1
queste sono le notizie che NON voglio leggere, gufate pazzesche
Bartsimpson16 Gennaio 2024, 15:07 #2
Non succederà in Italia. Anzi, al crescendo della richiesta, crescerà anche il costo dell'elettricità, così come già succede da alcuni anni. Per vedere come siamo messi noi (male)... https://it.globalpetrolprices.com/electricity_prices/
Ut0NtU16 Gennaio 2024, 15:34 #3
Se all'improvviso tutte le macchina circolanti fossero elettriche invece che ICE, come verrebbero sostituiti i più di 20 miliardi di € annuali ricavati dalle accise sui carburanti che entrano nelle casse dello Stato?
Notturnia16 Gennaio 2024, 15:36 #4
già il fatto che si facciano studi per far credere queste cose la dice lunga sulla difficoltà a spingere le auto..
inoltre i prezzi sono frutto di domanda e offerta.. quando vedrò il PUN a 35 €/MWh grazie alle elettriche allora ci crederò.. ma oggi come oggi le auto elettriche e le nuove infrastrutture per le FER sono parte della causa dell'aumento dei prezzi.. se poi si parla di farli scendere da dove erano arrivati allora ok.. ma facciamoli scendere sotto a dove erano PRIMA.. e vediamo..

studi fuffa anche perchè UVAM e dintorni esistono già ed è più facile avere sistemi simili che mille mila auto non programmabili perchè non sai quando la staccano dalla rete per usarla

ma facciamo pure studi così magari la gente ci crede e compra le auto elettriche per poi pagare 0,9 €/kWh alle colonnine HPC
pedro97816 Gennaio 2024, 15:58 #5
Gli studi..............
Axios200616 Gennaio 2024, 16:02 #6
concentrazione delle ricariche nei periodi più congeniali della giornata


Eh... dover pianificare la ricarica... che progresso... mica la barbarie di poter andare quando e dove si vuole e fare il pieno in meno di 3 minuti...
io78bis16 Gennaio 2024, 17:00 #7
Fosse anche vero, parliamo del mercato americano non certo europeo.

In EU e in Italia soprattutto dove ci sono le accise per forza di cose questi prelievi di Stato si dovranno spostare dai carburanti all'elettricità.
SpyroTSK16 Gennaio 2024, 17:11 #8
Originariamente inviato da: Bartsimpson
Non succederà in Italia. Anzi, al crescendo della richiesta, crescerà anche il costo dell'elettricità, così come già succede da alcuni anni. Per vedere come siamo messi noi (male)... https://it.globalpetrolprices.com/electricity_prices/


Beh se non vogliamo in nessun modo aver a che fare con centrali nucleari (che è l'unico modo per produrre energia il più green possibile senza dover dipendere da fattori ambientali come luce, vento o acqua) non possiamo farci granché, l'unico modo è pagare di più il kWh.
Notturnia16 Gennaio 2024, 17:34 #9
Originariamente inviato da: SpyroTSK
Beh se non vogliamo in nessun modo aver a che fare con centrali nucleari (che è l'unico modo per produrre energia il più green possibile senza dover dipendere da fattori ambientali come luce, vento o acqua) non possiamo farci granché, l'unico modo è pagare di più il kWh.


sai qual'è la nazione europea (con consumi decenti) che ha il grosso delle FER ? noi.. e sai qual'è la nazione europea con i costi maggiori ? sempre noi..
era uscito uno studio in EUropa che faceva vedere come la maggior penetrazione delle FER causasse un aumento die prezzi a seguito dei maggiori problemi causati dalle FER stesse e la necessità di avere soluzioni a problemi che prima non si aveva.

questa notizia delle auto come batterie per le FER dimostra solo che è vero.. semplicemente si scarica il problema della rete sulle tasche della gente che crede di avere un beneficio dopo aver comprato 6 quintali di batterie attaccate alla vettura e avendo avuto un aumento delle spese..

paghi 40 mila euro una vettura che ne valeva 20 mila prima delle batterie e puoi risparmiare 200 euro all'anno vendendo energia alla rete ma credi di essere più furbo di prima
SpyroTSK16 Gennaio 2024, 17:58 #10
Originariamente inviato da: io78bis
Fosse anche vero, parliamo del mercato americano non certo europeo.

In EU e in Italia soprattutto dove ci sono le accise per forza di cose questi prelievi di Stato si dovranno spostare dai carburanti all'elettricità.


Le accise sono nate per aiutare lo stato a prendere soldi dove la gente è più disposta a spendere, come per esempio i carburanti.
Pertanto se le accise fossero a 10 centesimi, il gasolio costerebbe 1,2 circa, che a noi tra 1,0 o 1,2 cambierebbe poco. Ora però a 1,9 e rotti, ma ci sono 0,728,40€ di accisa.
Senza contare che l'iva è al 22% sui carburanti, mentre è al 10% per queste categorie:
Spettacoli teatrali
Oggetti di antiquariato
Birra
Trasporti pubblici
Gas per uso domestico
Energia elettrica per uso domestico
Carburante uso agricolo

questi per esempio sono al 4%:
e-book
Hotel
Gas per uso terapeutico

Perché sugli Hotel, birra, spettacoli teatrali, oggetti di antiquariato, ebook, gas e energia dev'essere più basso rispetto ai carburanti?
Inoltre il carburante agricolo, perché ha meno iva rispetto agli altri?
Il Gas per uso domestico perché deve avere meno IVA del GAS per veicoli?
Perché l'energia per uso domestico ha l'iva del 10% mentre sulle colonnine elettriche ho l'iva al 22% tranne nel caso in cui quella colonnina abbia anche pannelli fotovoltaici? (in quel caso è al 10% https://www.fiscooggi.it/rubrica/no...auto-elettrica)
Perché quando vado a pagare l'energia elettrica al gestore ho il 10% di IVA da pagare, mentre quando è lei a dovermi pagare per l'energia che IO vendo a loro (oltre a pagarmela poco) lei non deve pagare l'iva allo stato? (https://mobile.mysolution.it/pages/...details/1493606)
I proventi non devono in ogni caso essere assoggettati ad IVA per mancanza dei requisiti soggettivi e oggettivi.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^