Lotus rivela il nuovo telaio per le sport car elettriche: più leggero e con batterie posizionate in verticale

Lotus rivela il nuovo telaio per le sport car elettriche: più leggero e con batterie posizionate in verticale

La casa inglese va diretta verso la completa elettrificazione, spinta dalla nuova proprietà di Geely. Nel piani futuri ci sono quattro nuove auto elettriche, tra cui una sport car, della quale scopriamo il nuovo telaio

di pubblicata il , alle 18:31 nel canale Auto Elettriche
Lotus
 

All'inizio di settembre vi davamo notizia dei nuovi piani di Lotus, casa storica di piccole vetture sportive, ora in mano alla cinese Geely, che spinge fortemente verso una totale elettrificazione del marchio. Nei piano del nuovo proprietario Lotus deve diventare un marchio premium di auto solo elettriche, ma senza rinunciare alla sportività legata alla sua storia.

Per questo a fianco di tipologie di auto completamente nuove per Lotus, come i SUV, troveremo ancora le sport car, anche se 100% elettriche. Per questa nuova gamma la casa sta sviluppando un nuovo tipo di telaio, pensato esclusivamente per le prestazioni e per le vetture piccole e veloci. Lo ha presentato con un breve video che ne illustra le principali caratteristiche e possibilità di configurazione:

Diversamente da quanto fatto finora da tutti i concorrenti, Lotus ha pensato ad un telaio dove la batteria non è necessariamente al centro e lungo tutto il pianale, ma è piuttosto sistemata in quella che chiamano configurazione "chest", ovvero in verticale, appena dietro gli unici due sedili presenti.

A sua volta questa architettura si può declinare in due varianti, sempre però a due posti. La prima con un passo ridotto, da 2.470 mm, che può quindi ospitare una batteria con 8 moduli e 66,4 kWh di capacità totale. In questo caso troveremo solo un motore elettrico con potenza da 350 kW.

Nella seconda variante il passo si estende anche a più di 2.650 mm, aumentando la dimensione della batteria a 12 moduli e 99,6 kWh di capacità. Questa vettura avrebbe la possibilità di essere anche più prestazionale, con doppia scelta di motore: singolo da 350 kW o doppio da 650 kW totali.

Ci sarebbe poi allo studio una terza possibilità, in cui le batterie verrebbero posizionate in maniera classica, sotto il pianale, per aggiungere anche due posti posteriori. Si tratterebbe però del taglio di capacità inferiore, anche se rimarrebbe la scelta dei due motori. Idealmente questa soluzione è pensata per auto in cui l'altezza non è un fattore fondamentale per il design, quindi per SUV o Crossover.

Lotus LEVA

Il progetto che prende il nome di LEVA (Lightweight Electric Vehicle Architecture) è stato annunciato lo scorso ottobre, e può contare su una struttura posteriore realizzata con il metodo del casting (similmente a quanto fa Tesla con le mega presse) e permette di risparmiare per questa sezione fino al 37% del peso.

Ora lo sviluppo continuerà per creare i primi prototipi, e portare sul mercato la sport car Lotus (per ora conosciuta come Type 135) entro il 2026. Sarà però l'ultima della nuova gamma ad arrivare: per quell'anno avremo già in strada i nuovi SUV e la coupé 4 porte.

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Pino9021 Settembre 2021, 19:46 #1
Pure Lotus ci prova con l'elettrico... non ne capisco il senso su una macchina così.
jepessen21 Settembre 2021, 20:09 #2
Originariamente inviato da: Pino90
Pure Lotus ci prova con l'elettrico... non ne capisco il senso su una macchina così.


Che sara' stato la stesso pensiero di quelli con la carrozza vedendo le prime auto...
Tasslehoff21 Settembre 2021, 21:28 #3
Originariamente inviato da: jepessen
Che sara' stato la stesso pensiero di quelli con la carrozza vedendo le prime auto...
Si ma che noia ragazzi, è concesso avere un'opinione su questo argomento oppure è davvero necessario rispondere in questo modo, come se chi osa esprimere un dubbio sull'elettrico è da considerarsi un appestato o un cavernicolo?

E che diamine...

Già siamo di fronte a un martellamento mediatico incessante su questo argomento, questo sito ne è un esempio, sembra diventato il Quattroruote dell'elettrico, ormai una notizia su 3 è dedicata a qualche progetto di auto elettrica, moto elettrica, furgone elettrico etc etc...

Non è ne necessario, ne utile, ne intelligente polarizzare la discussione; non è una fede, si può essere favorevoli all'elettrico in certi ambiti ed essere dubbiosi in altri.
Io ad esempio credo che per certi mezzi (in particolare le due ruote che contano, non scooter) non abbia alcun senso, per altri (es utilitarie per brevi tratte da tragitto casa-lavoro) ce l'abbia.

Sono da trattare come un appestato oppure si può discutere civilmente senza scannarsi come allo stadio?
Pino9021 Settembre 2021, 21:47 #4
Originariamente inviato da: jepessen
Che sara' stato la stesso pensiero di quelli con la carrozza vedendo le prime auto...


Lotus è un marchio sportivo, pensato per andare in pista, sono auto scomode e famose per essere leggerissime. Dove vai in pista con una elettrica? Fai 10 giri e finita la batteria finisce e insieme a lei anche la giornata. Inoltre non è una macchina per il mercato di massa, vendono 800 auto all'anno.
Non ha senso questa transizione su questo tipo di automobili. Volendo riprendere la tua metafora, è come voler sostituire il cavallo del salto ostacoli con una automobile: una vera scemenza.

Originariamente inviato da: Tasslehoff
Io ad esempio credo che per certi mezzi (in particolare le due ruote che contano, non scooter) non abbia alcun senso, per altri (es utilitarie per brevi tratte da tragitto casa-lavoro) ce l'abbia.

Sono da trattare come un appestato oppure si può discutere civilmente senza scannarsi come allo stadio?


Sei un kender troppo gentile per questo mondo, mio caro Tas!

Ti suggerirei di non bocciare le moto elettriche, a dispetto della autonomia c'è tanto potenziale. Fattici un giro se ti capita.
Tasslehoff21 Settembre 2021, 23:35 #5
Originariamente inviato da: Pino90
Ti suggerirei di non bocciare le moto elettriche, a dispetto della autonomia c'è tanto potenziale. Fattici un giro se ti capita.
Guarda, ho appena acquistato una Tenere 700, l'ho scelta di proposito perchè è semplice, essenziale, zero elettronica (nemmeno l'acceleratore, figuriamoci cruise control, mappature e cose più astruse, giusto l'ABS perchè obbligatorio per legge, anche se si può escludere per il fuoristrada) e tanta sostanza.

L'ho scelta perchè è quello che più si avvicina al concetto di moto universale che può fare tutto, dal fuoristrada leggero a quello pesante (l'unico limite in tal senso sono i pneumatici), dalle stradine di montagna ai lunghi viaggi, è ciò che più di ogni altro modello si avvicina al concetto di moto adventure.

Non mi serve più potenza, quella che ha basta e avanza (e anzi è un pregio anche rispetto a concorrenti più potenti), la sparata in pista non mi interessa, anzi in una moto del genere l'elettrico penso sarebbe assolutamente controproducente perchè scaricherebbe troppa potenza rendendo molto complicato il fuoristrada.

Una pompa di benzina la trovi anche in mezzo al deserto del Kazakistan o nel posto più desolato della Namibia, puoi sempre trovare qualcuno che ti dia un passaggio per prendere una tanica di benzina nel caso dovessi malauguratamente restare a secco.
"Difficile" che qualcuno ti porti un supercharger mentre stai scavallando qualche passo di montagna.

Ecco perchè penso che l'elettrico sia l'ultima opzione possibile per un mezzo del genere, e anzi come concetto sia l'antitesi stessa di un mezzo di trasporto del genere.
Potranno andar bene per quelli che si fanno un giretto la domenica al lago o in montagna (assolutamente legittimo eh, non fraintendermi) però per chi vuol partire senza porsi limiti o programmi no, lo dubito fortemente.
Pino9021 Settembre 2021, 23:44 #6
Sí ho letto il tuo blog, tu se ti capita provala una elettrica... di moto ne ho già qualcuna (quello che mi manca è il manico!) e sono rimasto piacevolmente stupito dall'elettrica... Ovvio che per viaggiare non va bene e comunque non me la sono comprata, tuttavia non è una tecnologia da buttare (fra qualche anno magari...). Per esempio per uso cittadino il motard della Zero è divertente come un smc... ma silenzioso...

Capisco il tuo discorso comunque, anche io viaggio in moto.
Zappz22 Settembre 2021, 08:33 #7
Originariamente inviato da: Tasslehoff
Guarda, ho appena acquistato una Tenere 700, l'ho scelta di proposito perchè è semplice, essenziale, zero elettronica (nemmeno l'acceleratore, figuriamoci cruise control, mappature e cose più astruse, giusto l'ABS perchè obbligatorio per legge, anche se si può escludere per il fuoristrada) e tanta sostanza.

L'ho scelta perchè è quello che più si avvicina al concetto di moto universale che può fare tutto, dal fuoristrada leggero a quello pesante (l'unico limite in tal senso sono i pneumatici), dalle stradine di montagna ai lunghi viaggi, è ciò che più di ogni altro modello si avvicina al concetto di moto adventure.

Non mi serve più potenza, quella che ha basta e avanza (e anzi è un pregio anche rispetto a concorrenti più potenti), la sparata in pista non mi interessa, anzi in una moto del genere l'elettrico penso sarebbe assolutamente controproducente perchè scaricherebbe troppa potenza rendendo molto complicato il fuoristrada.

Una pompa di benzina la trovi anche in mezzo al deserto del Kazakistan o nel posto più desolato della Namibia, puoi sempre trovare qualcuno che ti dia un passaggio per prendere una tanica di benzina nel caso dovessi malauguratamente restare a secco.
"Difficile" che qualcuno ti porti un supercharger mentre stai scavallando qualche passo di montagna.

Ecco perchè penso che l'elettrico sia l'ultima opzione possibile per un mezzo del genere, e anzi come concetto sia l'antitesi stessa di un mezzo di trasporto del genere.
Potranno andar bene per quelli che si fanno un giretto la domenica al lago o in montagna (assolutamente legittimo eh, non fraintendermi) però per chi vuol partire senza porsi limiti o programmi no, lo dubito fortemente.


Gran mezzo, se fosse uscita prima probabilmente avrei preso quella al posto dell'africa.
popomer22 Settembre 2021, 08:43 #8
Sono appasionato d'auto, da sempre, in questio momento ho piu' di 900cv in garage e tutti che fanno brum brum.

Ho provato varie elettriche, dalla taycan turbo alla 3 performance, macchine che vanno benissimo e che nascondono bene il loro peso, probabilmente una delle mie prossime auto sarà elettrica.
Ma, il problema secondo me non e' l'elettrica in se,o tutte le pippe mentali per la ricarica, ma la forzatura dello stop ai motori termici per il 35.
Dove la troviamo la corrente per ricaricare 15/20 milioni di auto elettriche in italia?
mantelvaviz22 Settembre 2021, 10:41 #9
Originariamente inviato da: popomer
Dove la troviamo la corrente per ricaricare 15/20 milioni di auto elettriche in italia?


Cercando un parallelismo: dove lo troviamo IN ITALIA il petrolio per rifornire 15/20 milioni di auto a combustione?
popomer22 Settembre 2021, 13:42 #10
Originariamente inviato da: mantelvaviz
Cercando un parallelismo: dove lo troviamo IN ITALIA il petrolio per rifornire 15/20 milioni di auto a combustione?


le auto a motore termico in italia ci sono da oltre 100 anni, è stato un processo che "lento".
poi mi sbaglierò, non ho certamente la pretesa di sapere quello che succederà da quì a 15 anni

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^