Il ministro Urso punge ancora Stellantis: "mi aspetto una Gigafactory in Italia"

Il ministro Urso punge ancora Stellantis: "mi aspetto una Gigafactory in Italia"

Il ministro Adolfo Urso è tornato a parlare di Stellantis, degli incentivi, e delle fabbriche italiane a rischio, lanciando l'ennesima frecciatina

di pubblicata il , alle 11:19 nel canale Mercato
Stellantis
 

Lo scambio di critiche e polemiche tra Stellantis e il governo italiano sembra non avere mai fine. L'ultimo capitolo ci arriva dal ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso, che è tornato sull'argomento durante un'intervista a Bruxelles.

Urso ha rivelato di aver incontrato i vertici di Stellantis in svariate occasioni negli ultimi tempi: "Ho incontrato per tre volte John Elkann, e per due volte Carlos Tavares, di cui una volta a Roma, e in quell’occasione assicurò l’obiettivo di raggiungere un livello produttivo in Italia di un milione di veicoli. Lo disse pubblicamente". Il riferimento è alla produzione negli stabilimenti italiani, che sono però considerati da Tavares a rischio senza gli adeguati sussidi statali.

Adolfo Urso

Il ministro poi rivela anche un altro incontro, che usa come pretesto per una nuova frecciatina a Stellantis: "Tavares l’ho incontrato anche in Francia, quando hanno inaugurato la prima Gigafactory. E mi aspetto che presto sia realizzata anche nel nostro Paese". Si è parlato spesso di una fabbrica di batterie per il settore auto nel nostro Paese, ma le condizioni economiche non sembrano affatto favorevoli.

Adolfo Urso ha poi rassicurato sul percorso dei nuovi incentivi, spiegando che ora sono al vaglio degli altri ministri, e che non dovrebbero esserci intoppi per l'arrivo degli oltre 900 milioni di euro messi sul tavolo, ma ha chiarito anche che il 2024 potrebbe essere l'ultimo anno di incentivi all'acquisto: "Dal prossimo anno gli incentivi non saranno più al consumo ma alla produzione per incentivare chi voglia produrre nel nostro Paese, sia auto che componentistica".

44 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ginopilot09 Febbraio 2024, 11:32 #1
Le gigafactory
OrazioOC09 Febbraio 2024, 11:33 #2
Ma ministro lei ancora crede alle favole?
Paganetor09 Febbraio 2024, 11:39 #3
Figuriamoci... in Stellantis vogliono le cose regalate, e ti ricattano con lo spauracchio dei licenziamenti se non li accontenti.

Se fanno una gigafactory in Europa, di sicuro la piazzano in Polonia o in altri paesi a basso costo della manodopera e con un regime fiscale più favorevole.

Sarebbe ora di finirla con questo assistenzialismo e del concetto "gli utili sono miei, le perdite sono tue".
hackaro7509 Febbraio 2024, 11:49 #4
Oramai non serve più a nulla... sono altri posti di lavoro andati! Dovevano pensarci prima e lo Stato doveva acquistare quote azionarie di Stellantis quando fu fatta la fusione. Allora avresti avuto voce in capitolo, adesso può pungere quanto vuolema sono solo chiacchiere.

Non abbiamo un piano industriale nazionale a lungo termine.
Non abbiamo un piano energetico nazionale a lungo termine.
Non abbiamo un piano infrastrutturale nazionale a lungo termine.

MA per favore!!!
rolling7109 Febbraio 2024, 12:07 #5
Un ministro dovrebbe muoversi in modo da creare le condizioni. Non fare sterile polemica.
Questi hanno anche un ministro che ferma treni alta velocità ad personam.
Gundam.7509 Febbraio 2024, 12:29 #6
A Termoli, in Molise (che esiste) l'attuale stabilimento fiat/stellantis è in fse di riconversione: a gennaio 2026 partirà la produzione di batterie.
Forse il ministro non è informato....
supertigrotto09 Febbraio 2024, 12:34 #7
Alla fine sapete come andrà?
Come è già successo varie volte,aprono l'azienda con i soldi di stato,comprano i macchinari sempre con i soldi di stato,per un paio di anni producono,poi in qualche modo dimostrano che sono in perdita,prendono i macchinari e li portano all' estero insieme al lavoro.
Strato154109 Febbraio 2024, 12:57 #8
Stellantis di fatto è francese e non faranno alcunché per le fabbriche italiane..Anzi..
Vorrebbero gli incentivi per poi sparire...
rolling7109 Febbraio 2024, 13:05 #9
Originariamente inviato da: Strato1541
Stellantis di fatto è francese e non faranno alcunché per le fabbriche italiane..Anzi..
Vorrebbero gli incentivi per poi sparire...


L’azionista di riferimento (quello con la maggior quota) mi risulta Exxor della famiglia Agnelli, mi sembrano italiani.
Strato154109 Febbraio 2024, 13:07 #10
Originariamente inviato da: rolling71
L’azionista di maggioranza mi risulta Exxor della famiglia [B][U]Agnelli, mi sembrano italiani.[/U][/B]


Ti sembra male..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^