Incentivi per acquisto di auto usate di ogni tipo: si parte oggi, sul piatto ci sono 40 milioni

Incentivi per acquisto di auto usate di ogni tipo: si parte oggi, sul piatto ci sono 40 milioni

Come promesso il Governo ha messo in piedi anche un incentivo per spingere il mercato delle auto usate meno inquinanti. Le elettriche sono quelle che ricevono un contributo più alto, ma il fondo di 40 milioni è destinato a tutte le motorizzazioni

di pubblicata il , alle 11:41 nel canale Mercato
incentivi
 

Dopo diversi anni di incentivi indirizzati al solo mercato delle auto nuove, siano esse elettriche o con motorizzazioni classiche, il Governo italiano aveva in programma di spingere anche il giro delle vetture usate, se appartenenti a categorie meno inquinanti.

L'occasione è arrivata con il Fondo Contributo Pubblico Sostegni, che da oggi 28 settembre mette a disposizione dei cittadini un totale di 40 milioni di euro. Per utilizzare il nuovo incentivo il meccanismo è quello ampiamente collaudato, tramite il portale ecobonus.mise.gov.it.

Da questa mattina i concessionari possono accedere all'area riservata per prenotare il contributo che spetta ad ogni cittadino che acquista una vettura usata, purché appartenente almeno alla categoria Euro 6, benzina, diesel, GPL, Metano, ibrida o elettrica. Ci sono però alcune limitazioni. Il prezzo, secondo le quotazioni di mercato, non deve essere superiore a 25.000 euro, e le emissioni di CO2 devono comunque essere tra 0 e 160 grammi per km.

Ecobonus MISE

Restano così quasi sicuramente escluse auto elettriche più costose, come Tesla, Porsche, Audi o altre, mentre potranno rientrare agevolmente vetture più modeste come le city car elettriche, o le medie con qualche anno sulle spalle, come Hyundai Kona, Nissan Leaf o Renault Zoe. Il cliente ha anche il vincolo di dover rottamare contestualmente un veicolo immatricolato almeno 10 anni fa, ed in suo possesso (o di un familiare convivente) da almeno 12 mesi.

Come detto il fondo è di 40 milioni di euro, e nel momento in cui scriviamo è calato di poco. Il contributo non sarà ovviamente uguale per tutte le vetture, ma è diviso in fasce in base alle emissioni:

  • da 0 a 60 g/km di CO2: 2.000 euro
  • da 61 a 90 g/km di CO2: 1.000 euro
  • da 91 a 160 g/km di CO2: 750 euro

Sul portale del MISE attualmente permangono anche 72 milioni di euro dedicati all'acquisto di auto nuove Euro 6, e 12 milioni di euro per le due ruote elettriche, mentre gli altri fondi sono sostanzialmente esauriti, salvo spiccioli.

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Perseverance28 Settembre 2021, 14:04 #1
Il cliente ha anche il vincolo di dover rottamare contestualmente
...
da 0 a 60 g/km di CO2: 2.000 euro
da 61 a 90 g/km di CO2: 1.000 euro
da 91 a 160 g/km di CO2: 750 euro


Secondo me è più conveniente rivenderla a qualcuno invece che rottamarla. Mi faccio un giro sui siti di annunci auto usate: citroen c3 del 2008 diesel euro4 115g/km la vendono da 2400€ in su. Merita rottamarla per comprarne un'altra usata ed avere solo 750€ stando a quella tabella?! Mah.

Io non me ne intendo ma credo che qualunque auto usata se non è un catorcio la si vende senza problemi dai 2000 in su.
zuril28 Settembre 2021, 14:11 #2
Infatti, 750€ sono una cifra ridicola, li vale una panda prima serie
Svelgen28 Settembre 2021, 15:13 #3
Originariamente inviato da: Perseverance
Secondo me è più conveniente rivenderla a qualcuno invece che rottamarla. Mi faccio un giro sui siti di annunci auto usate: citroen c3 del 2008 diesel euro4 115g/km la vendono da 2400€ in su. Merita rottamarla per comprarne un'altra usata ed avere solo 750€ stando a quella tabella?! Mah.

Io non me ne intendo ma credo che qualunque auto usata se non è un catorcio la si vende senza problemi dai 2000 in su.


Resta da vedere se la vendono a quel prezzo.
Perché oggi, con una Euro 4 non so fino a che punto sei libero di circolare durante la settimana. E spendere 2400€ per avere una macchina che non ti consente di andare al lavoro, non credo sia il massimo.
albatros_la28 Settembre 2021, 15:16 #4
Un incentivo sull'acquisto delle uniche auto usate che ha senso acquistare è senza senso. Chi è così stupido da acquistare qualcosa di più vecchio di un'Euro 6, visto che quelle precedenti a breve non potranno circolare praticamente in nessuna città italiana? Poi, si tratta di categorie di usato sicuramente non vastissime. Quante auto elettriche usate si trovano in vendita?
Perseverance28 Settembre 2021, 15:43 #5
Originariamente inviato da: Svelgen
Resta da vedere se la vendono a quel prezzo.
Perché oggi, con una Euro 4 non so fino a che punto sei libero di circolare durante la settimana. E spendere 2400€ per avere una macchina che non ti consente di andare al lavoro, non credo sia il massimo.


Fino all'arrivo della pandemia il mercato dell'usato era fiorente e in crescita. Se hai voglia e tempo (e pazienza) ci sono tutti i dati online:
https://www.aci.it/laci/studi-e-ric...auto-trend.html

Io ho dato un'occhiata rapida e mi pare di capire che c'è un crollo dopo il 2020 dovuto probabilmente alla pandemia, sia per l'usato ma soprattutto per il nuovo.

Al di fuori delle grandi città capoluoghi mi pare si possa girare con tutto, poi in caso ci si adegua in qualche modo con le ztl, i weekend...

----

Cambio discorso in polemica: questi ed altri incentivi andrebbero dati al pubblico x creare quelle reti elettriche cittadine di cui si parlava tempo fà ed alcuni comuni hanno già realizzato con successo a proprie spese. Quello dovrebbe essere l'esempio da seguire e l'obiettivo per cui dare quei soldi, con lo scopo finale di creare dei network energetici e di accumulo intelligenti. Attualmente è impossibile per colpa della burocrazia e della politica\economia dove tutte le cose pubbliche sono aziende o sono partecipate; in più ci si aggiunge il gravoso problema delle eco-mafie come il recente caso delle pale eoliche al sud... vabè chiudiamola qui sennò ci sarebbe da discutere per giorni.
ferste28 Settembre 2021, 16:46 #6
Originariamente inviato da: Perseverance
Al di fuori delle grandi città capoluoghi mi pare si possa girare con tutto, poi in caso ci si adegua in qualche modo con le ztl, i weekend...


Ormai anche nei piccoli centri, ad esempio Acqui Terme (AL) - 15000 ab o Ovada (AL) - 11000 ab
Stop alle auto private e veicoli commerciali di classe emissiva EURO 4 diesel dalle 8.30 alle 18.30 nei giorni feriali dal lunedì al venerdì nel solo periodo invernale (1 marzo – 15 aprile 2021 e 15 settembre 2021 – 15 aprile 2022).
Perseverance28 Settembre 2021, 19:29 #7
Originariamente inviato da: ferste
Ormai anche nei piccoli centri, ad esempio Acqui Terme (AL) - 15000 ab o Ovada (AL) - 11000 ab
Stop alle auto private e veicoli commerciali di classe emissiva EURO 4 diesel dalle 8.30 alle 18.30 nei giorni feriali dal lunedì al venerdì nel solo periodo invernale (1 marzo – 15 aprile 2021 e 15 settembre 2021 – 15 aprile 2022).


Avevo sentito per notizia che era stato tutto prorogato causa covid in tutte le regioni del nord e che valeva per comuni con più di ventimila abitanti e solo se l'auto era priva di FAP. Invece è già attuale e attuato?
ferste28 Settembre 2021, 22:17 #8
Originariamente inviato da: Perseverance
Avevo sentito per notizia che era stato tutto prorogato causa covid in tutte le regioni del nord e che valeva per comuni con più di ventimila abitanti e solo se l'auto era priva di FAP. Invece è già attuale e attuato?


Si, qui é attivo, non saprei dirti se Regione Piemonte o Provincia di Alessandra ci abbiano messo lo zampino.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^