Sempre più auto elettriche: Honda valuta l'addio a Formula 1 e Red Bull

Sempre più auto elettriche: Honda valuta l'addio a Formula 1 e Red Bull

La Honda ha aperto i colloqui con la Red Bull per estendere la collaborazione per l'auto di Formula 1 oltre il 2021, ma ha sottolineato come il suo impegno nel motorsport sia in discussione a causa della transizione all'elettrificazione che si sta verificando nel settore dell'automotive

di pubblicata il , alle 17:01 nel canale Tecnologia
HondaRed Bull
 

Le case automobilistiche si trovano ad affrontare condizioni commerciali difficili a causa delle restrizioni normative sul numero e sul tipo di auto a benzina e diesel che possono immettere sul mercato. La competizione di emergenti case che puntano sull'elettrico, inoltre, sta modificando considerevolmente la fisionomia del mercato, influendo sul business dei produttori tradizionali.

L'investimento richiesto dalla transizione all'elettrificazione è enorme e i margini di profitto sono molto inferiori. La situazione si complica ulteriormente per l'intervento dei governi di tutto il mondo che cercano di vietare la vendita di nuove automobili a benzina, diesel e motori ibridi entro il 2040.

Abbiamo visto come questa situazione interessi un colosso come Mercedes, che sembra essere sul punto di attuare una forte ondata di licenziamenti, ma solleva dei dubbi anche in Honda, fino a rivalutare il suo impegno nel motorsport. Honda è attualmente impegnata in Formula 1 fino alla fine del 2021, dopo aver esteso il suo contratto con Red Bull e AlphaTauri di una sola stagione. Per il momento non sottoscrive un contratto più duraturo perché i cambiamenti al settore non permettono di fare piani a più lunga scadenza.

Masashi Yamamoto

Sebbene la passata stagione sia stata la migliore in termini di risultati da quando ha fatto ritorno in F1 nel 2015, Honda ha ammesso che i cambiamenti al mercato automobilistico globale hanno un peso importante sulle sue finanze. Masashi Yamamoto, managing director di Honda F1 ha detto a Motorsport.com, che "trattative in corso sul prosieguo della collaborazione con Red Bull sono in corso. Ma dobbiamo considerare che l'intera industria automobilistica sta affrontando una situazione molto difficile a causa dell'elettrificazione. Le aziende devono investire molto, bisogna valutare la fattibilità della transizione e l'efficacia dei nuovi programmi".

Nei giorni precedenti Alain Prost, quattro volte campione del mondo e attuale direttore non esecutivo di Renault Sport, aveva rilasciato dichiarazioni simili, scagliandosi contro le nuove normative sulla limitazione della propulsione termica. "Non sappiamo nemmeno quale tecnologia avremo nei prossimi 10 anni nel settore automobilistico, ma stanno per subentrare diverse stupide normative che finiranno per uccidere l'industria automobilistica in Europa" ha detto Prost.

Red Bull Racing

Le maggiori attenzioni verso l'elettrico potrebbero spingere queste aziende a spostarsi verso la Formula E, il campionato automobilistico con vetture completamente elettriche. "Siamo interessati alla Formula E e stiamo raccogliendo informazioni", ha detto Yamamoto. "Ma al momento ci concentriamo solo sulla F1 e non abbiamo in programma di partecipare alla Formula E".

La competizione di Tesla è un ulteriore fattore di criticità per le aziende del mondo dell'automotive, visto che il colosso della Silicon Valley ha un vantaggio tecnologico notevole in termini di propulsione elettrica. Non solo spingerà le aziende rivali a investire per sviluppare la tecnologia nel tentativo di colmare il divario, ma le costringerà a modificare in maniera sensibile le loro abitudini e la loro filiera produttiva. Molte componenti dell'auto elettrica sono più semplici da sviluppare e possono essere create internamente, piuttosto che fare riferimento ai fornitori tradizionali.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

30 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Kheselsy26 Febbraio 2020, 17:26 #1

Elettrico is best

Le auto tradizionali sono diventate troppo complicate, quindi facciamogli il funerale e passiamo all'elettrico.
KuWa26 Febbraio 2020, 17:41 #2
formula E = morte delle competizioni sportive
ritpetit26 Febbraio 2020, 17:50 #3
Originariamente inviato da: Kheselsy
Le auto tradizionali sono diventate troppo complicate, quindi facciamogli il funerale e passiamo all'elettrico.


Non mi avranno mai.

Ormai è partita la mia personale caccia ad una storica, che mi permetterà di stare tranquillo e viaggiare ancora per un po' di anni evitando 'sti aspirapolvere.
Il sogno è un Deltone Integrale, intanto sono in trattativa per una Panda 4x4 iscritta ASI da usare tutti i giorni.

Quando sarò obbligato a usare gli aspirapolvere, ormai andremo tutti con sistemi tipo Uber ma elettrico e a guida autonoma
mally26 Febbraio 2020, 17:52 #4
Originariamente inviato da: ritpetit
Non mi avranno mai.

Ormai è partita la mia personale caccia ad una storica, che mi permetterà di stare tranquillo e viaggiare ancora per un po' di anni evitando 'sti aspirapolvere.
Il sogno è un Deltone Integrale, intanto sono in trattativa per una Panda 4x4 iscritta ASI da usare tutti i giorni.

Quando sarò obbligato a usare gli aspirapolvere, ormai andremo tutti con sistemi tipo Uber ma elettrico e a guida autonoma


buona fortuna in caso di incidente...
ritpetit26 Febbraio 2020, 17:54 #5
Originariamente inviato da: KuWa
formula E = morte delle competizioni sportive


la formula E può guardarla giusto la generazione cresciuta a merendine e videogames.

Io quando iniziavo l'università c'era Pacman e mangiavo pane e salame
Ragerino26 Febbraio 2020, 18:55 #6
Suppongo pure che la Formula E richieda meno investimenti da parte delle case. Sicuramente un motore tradizionale è decisamente più complesso.
I politici miopi stanno smantellando letteralmente l'industria automobilista europea. Il tutto con la scusa del ridurre la CO2, o almeno cosi vorrebbero farci credere. In pratica è come cercare di spengere un incendio con una bottigli d'acqua minerale da 1,5l.
andy4526 Febbraio 2020, 20:20 #7
Originariamente inviato da: ritpetit
Ormai è partita la mia personale caccia ad una storica, che mi permetterà di stare tranquillo e viaggiare ancora per un po' di anni evitando 'sti aspirapolvere.
Il sogno è un Deltone Integrale, intanto sono in trattativa per una Panda 4x4 iscritta ASI da usare tutti i giorni.


Non vale per tutte le città però, qui a Roma una vettura storica è inutile, puoi girare solo sabato e domenica, o nei festivi infrasettimanali...sempre che non ci sia qualche "emergenza" inquinamento, allora non circoli neanche in quei giorni.
tony7326 Febbraio 2020, 23:37 #8
La fregatura del secolo ste auto falsamente verdi, non le ritengo neanche automobili tra l'altro. Spero che sta follia diventi standard il più tardi possibile.
kamon27 Febbraio 2020, 03:48 #9
Ma bene, ora che dopo anni di rendimento schifoso e affidabilità frustrante i motori honda erano tornati competitivi...

Comunque a me piacciono le auto ma detesto guidare (e non capisco come possa apprezzarlo chi come me lo fa quasi solo in città... Cioè quasi tutti), e francamente anche se mi dispiace un po, non vedo l'ora di avere un'auto silenziosissima e volesse il cielo, a guida autonoma al 100% per levarmi dai piedi lo stress di dover guidare nel folle traffico italiano... Quello che credo non riuscirò mai a digerire del nuovo concetto di mobilità è il car sharing, che magari è pratico per andare e tornare da lavoro, ma una scassatura di minchia in quasi tutti gli altri scenari di utilizzo.
ethan8627 Febbraio 2020, 11:03 #10
Tutti industriali del petrolio qui?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^