OPES e Fraunhofer presentano il modulo fotovoltaico standard per veicoli. Potrebbe essere una svolta

OPES e Fraunhofer presentano il modulo fotovoltaico standard per veicoli. Potrebbe essere una svolta

L'istituto di ricerca e l'azienda esperta in moduli solari hanno presentato un pannello flessibile e senza cornice, con prestazioni superiori ai precedenti prodotti. Possono dare ampio supporti ai veicoli elettrici, soprattutto camion, bus e e-bike cargo

di pubblicata il , alle 11:31 nel canale Energie Rinnovabili
Fraunhofer
 

All'IAA Mobility di Monaco hanno trovato tanto spazio anche aziende produttrici di componenti per la mobilità attuale e del futuro. Una presentazione passata un po' in sordina, ma che potrebbe avere importanti implicazioni è quella fatta da OPES e dal Fraunhofer Center for Silicon Photovoltaics, che hanno mostrato per la prima volta un innovativo pannello fotovoltaico flessibile, concepito per essere facilmente integrato in veicoli di vario genere.

Studi di questo genere sono in corso da molto tempo, e sono diverse le aziende che stanno sviluppando prodotti propri. Proprio ieri abbiamo parlato di Sono Motors, start up che vuole produrre un'auto elettrica con pannelli integrati nella carrozzeria, mentre la più accreditata del settore sembra essere Lightyear, che invece usa mini pannelli che ricoprono praticamente tutta la superficie disponibile.

Il nuovo modulo appena presentato potrebbe semplificare di molto la costruzione e l'integrazione, aumentando anche le prestazioni della generazione di energia. Secondo i dati diffusi, il modulo è spesso solo 2,9 mm, e pesa circa il 70% in meno delle vecchie soluzioni. Al tempo stesso permette una curvatura fino a 15 gradi, e la cella ha un'efficienza del 22%.

SolFlex

Questo risultato, spiegano i due partner, è stato ottenuto non con la consueta tecnologia a film sottile, ma utilizzando nuove celle solari cristalline chiamate SolFlex. Riescono così ad ottenere una produzione aggiuntiva di circa il 30% per metro quadrato rispetto ai precedenti moduli flessibili.

Dal punto di vista dell'industria automotive, sono poche le aziende che hanno offerto l'optional del fotovoltaico finora. Si ricordano piccoli spoiler di Nissan o Toyota, mentre ad oggi Hyundai propone tutto il tetto solare per la Ioniq 5. Questi accessori sono spesso dedicati solo all'energia necessaria per i servizi, e non per la batteria di trazione. Proprio per questo i creatori del nuovo modulo guardano con interesse al mercato dei trasporti, sia pubblici che commerciali. I camion, con le grosse superfici a disposizione, potrebbe beneficiare dei nuovi pannelli, soprattutto nel caso di mezzi con cella frigorifera. Allo stesso modo i bus cittadini userebbero una grande superficie per alimentare aria condizionata ed altri servizi di bordo, come ricarica per smartphone, Wi-Fi e illuminazione.

Un'ultima applicazione studiata è quella per le e-bike cargo. Spesso queste bici hanno forme particolari, con vani di carico dalle superfici importanti, in proporzione alla dimensione del veicolo e all'energia necessaria, in questo caso per la trazione. I nuovi moduli fotovoltaici potrebbero aumentare l'autonomia di oltre 50 km.

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
calabar11 Settembre 2021, 12:53 #1
Sarebbe stato utile riportare quanta corrente sono in grado di generare.
Certo, non ci ricarichi la batteria, ma potrebbe comunque essere sufficiente per compensare l'autoscarica e magari rabboccare il consumo di energia dovuto a piccoli spostamenti.
Se il costo non fosse folle ovviamente (altro dato mancante... almeno un riferimento alle generazioni precedenti sarebbe stato utile).
Paganetor11 Settembre 2021, 13:56 #2
sarebbe interessante anche una valutazione da parte di chi l'auto la deve riparare, come i carrozzieri.
Oggi una bottarella puoi tenertela, amen... ma un danno a questi componenti potrebbero rendere inutilizzabile la vettura (metti un corto o roba simile)
demon7711 Settembre 2021, 17:01 #3
Originariamente inviato da: calabar
Sarebbe stato utile riportare quanta corrente sono in grado di generare.
Certo, non ci ricarichi la batteria, ma potrebbe comunque essere sufficiente per compensare l'autoscarica e magari rabboccare il consumo di energia dovuto a piccoli spostamenti.
Se il costo non fosse folle ovviamente (altro dato mancante... almeno un riferimento alle generazioni precedenti sarebbe stato utile).


Non ci sono dettagli ma sono piuttosto sicuro si tratti davvero di briciole rispetto al fabbisogno di un'auto.
Comunque benvenga, ogni aiuto alla mobilità sostenibile è pur sempre un miglioramento.
huatulco12 Settembre 2021, 08:57 #4
Magari non ci carichi la batteria mentre sei in moto ma quando è parcheggiata sotto il sole sì.
lkn312 Settembre 2021, 22:57 #5
Originariamente inviato da: calabar
Sarebbe stato utile riportare quanta corrente sono in grado di generare.
Certo, non ci ricarichi la batteria, ma potrebbe comunque essere sufficiente per compensare l'autoscarica e magari rabboccare il consumo di energia dovuto a piccoli spostamenti.
Se il costo non fosse folle ovviamente (altro dato mancante... almeno un riferimento alle generazioni precedenti sarebbe stato utile).


hai il dato di efficenza, 22%, quindi sarà una roba da circa 350/400 watt ogni 1,5 metri quadri.
demon7712 Settembre 2021, 23:52 #6
Originariamente inviato da: huatulco
Magari non ci carichi la batteria mentre sei in moto ma quando è parcheggiata sotto il sole sì.


Anche restando tutto il giorno sparata sotto il sole pieno a luglio si parla comunque di un apporto davvero misero rispetto alla batteria di un'auto.

Ma come detto, ogni contributo è ben accetto.
frankie13 Settembre 2021, 09:28 #7
Sulle barche ha molto senso, visto che serve fare ombra e al 99% sono sempre sotto il sole. Nelle auto... non saprei, considerando il rapporto costi/benefici che a priori mi sembra scarso.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^