Automobili che guidano completamente da sole grazie a NVIDIA Pegasus

Automobili che guidano completamente da sole grazie a NVIDIA Pegasus

In occasione dell'edizione europea della GPU Technology Conference NVIDIA annuncia Pegasus, la propria piattaforma che dal prossimo anno permetterà di configurare veicoli a guida completamente autonoma

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 12:01 nel canale Tecnologia
NVIDIA
 

In concomitanza con l'edizione europea della GTC, GPU Technology Conference, che si sta svolgendo in questi giorni a Monaco di Baviera, NVIDIA ha annunciato Pegasus: si tratta della prima piattaforma di calcolo specifica per il settore della guida autonoma che offre una capacità di livello 5.

Nelle intenzioni di NVIDIA e dei propri partner questo tipo di piattaforma renderà accessibili veicoli in grado di operare completamente senza guidatore: si tratta di mezzi di trasporto sprovvisti di volante, pedali e di tutto quello che abitualmente troviamo integrato all'interno di un veicolo per la sua guida. I veicoli perderanno quindi alcune delle caratteristiche estetiche e funzionali che siamo abituati trovare in questo momento, diventando spazi nei quali le persone vengono ospitate durante il trasporto da un punto all'altro in un contesto che non è quello automobilistico.

Uno scenario futuristico? Sicuramente lo è, ma alla luce dell'evoluzione tecnologica degli ultimi anni non è da escludere che possa diventare una realtà nel corso di alcuni anni. Quanti? La risposta a questa domanda cercheremo di darla nel corso di questi giorni alla luce delle informazioni che emergeranno dal GTC.

nvidia_gtc_europe_2017_1.jpg (85513 bytes)

Dispositivi di questo tipo, indicati da NVIDIA con il nome di Robotaxis, richiedono ovviamente una potenza di elaborazione di proporzioni elevatissime per far fronte alle necessità di calcolo indispensabili per poter elaborare in tempo reale posizione e tragitto del veicolo. L'ambiente esterno viene individuato attraverso l'utilizzo di videocamere a 360 gradi così da tracciare altri veicoli, persone che si trovano nelle vicinanze del veicolo e in generale elaborare il tragitto in modo tale da evitare qualsiasi tipo di contatto con l'esterno o situazione di pericolo.

NVIDIA quantifica il livello di potenza di elaborazione richiesto come indicativamente tra 50 e 100 volte superiore a quanto offerto dalle automobili più sofisticate e complesse in questo momento offerte sul mercato.

nvidia_gtc_europe_2017_2.jpg (107314 bytes)

La piattaforma NVIDIA DRIVE PX Pegasus è basata su 4 processori specificamente dedicati alle elaborazioni di intelligenza artificiale, abbinati a 2 SoC NVIDIA della famiglia Xavier che integrano al proprio interno una GPU basata su architettura Volta. Il sistema si completa con due GPU di nuova generazione di tipo discreto, non meglio identificata da NVIDIA ma presumibilmente sempre della famiglia Volta, implementate per accelerare gli algoritmi di deep learning e di computer vision.

nvidia_gtc_europe_2017_3.jpg (85513 bytes)

La piattaforma NVIDIA DRIVE PX è proposta in differenti configurazioni, in grado nelle implementazioni alla base a singolo chip di fornire funzionalità di livello 2+ oppure 3 sino a scalare a livello 5 attraverso l'abbinamento di numerosi chip di elaborazione. Dal versante software questi chip operano con una singola architettura software di tipo open, sulla quale i vari partner di NVIDIA possono sviluppare le proprie soluzioni.

NVIDIA prevede di poter fornire Pegasus ai produttori di autoveicoli a partire dalla seconda metà del 2018; al momento attuale gli sviluppatori impegnati nei sistemi a guida autonoma possono sfruttare le soluzioni software NVIDIA DriveWorks in abbinamento a configurazioni NVIDIA Drive PX 2.

Una prima concretizzazione degli sforzi portati avanti da NVIDIA in questa direzione è l'annuncio odierno fatto al GTC Europe: Deutsche Post DHL Group (DPDHL) e ZF hanno annunciato l'avvio di una serie di test per camion basati su sistemi di gioda autonoma a partire dal 2018. Questi veicoli saranno basati su tecnologia NVIDIA Drive PX per rendere disponibili non solo il trasporto dei pacchi da un deposito all'altro, ma anche la consegna diretta sino alla destinazione finale. Per poter offrire questo tipo di funzionalità Deutsche Post DHL è già intervenuta implementando all'interno dei propri data center il supercomputer NVIDIA DGX-1, così da sviluppare il proprio neural network e implementare i modelli di deep learning necessari alle piattaforme NVIDIA Drive PX per gestire il trasporto delle merci.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
emanuele8310 Ottobre 2017, 12:10 #1
Questi affari sono un [B][I][U]Fulmine[/U][/I][/B].....

GabrySP10 Ottobre 2017, 13:23 #2
e se non installi il "GeForce Experience" la macchina finisce nel fosso
JoJo10 Ottobre 2017, 14:00 #3
Ma compeltamente, compeltamente... siamo sicuri?
LASCO10 Ottobre 2017, 17:35 #4
si tratta di mezzi di trasporto sprovvisti di volante, pedali e di tutto quello che abitualmente troviamo integrato all'interno di un veicolo per la sua guida. I veicoli perderanno quindi alcune delle caratteristiche estetiche e funzionali che siamo abituati trovare in questo momento, diventando spazi nei quali le persone vengono ospitate durante il trasporto da un punto all'altro in un contesto che non è quello automobilistico.

Se ci si riferisce al fatto che la guida autonoma di livello 5 implichi "mezzi di trasporto sprovvisti di volante, pedali" ecc., allora questo non è corretto.
Infatti, come riportato anche su una news dell'anno scorso di hwupgrade (http://auto.hwupgrade.it/news/tecno...-usa_62367.html), le autorità preposte devono ancora decidere se escludere volante, pedali ecc. nelle auto a guida autonoma di livello 5, oppure se rendere comunque obbligatoria la loro presenza.
Spawn758610 Ottobre 2017, 17:50 #5
Una cosa è certa, se da un punto di vista questa evoluzione è incredibile ed interessante, dall'altro rischia di mandare a casa una intera categoria di lavoratori (i camionisti).
Vero è che si è già vista questa evoluzione con l'inserimento di automatismi in fabbrica, per cui in fondo è il prezzo del progresso...
trippuma11 Ottobre 2017, 00:01 #6
Invece io la trovo veramente triste questa faccenda.... Tra venti anni e forse meno saremo tutti soppiantati da questi aggeggi.... Vorrà dire che ci riposeremo? O che faremo la fame? Speriamo bene...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^