Toyota Energy Observer è la prima nave alimentata esclusivamente a idrogeno

Toyota Energy Observer è la prima nave alimentata esclusivamente a idrogeno

Toyota sta per spedire la sua Energy Observer in una missione di sei anni. Questo progetto potrebbe cambiare la navigazione marittima

di pubblicata il , alle 14:41 nel canale Tecnologia
Toyota
 

Energy Observer utilizza energia solare ed eolica, unitamente a energia generata a partire dal moto delle onde. Si tratta di una tecnologia già abitualmente utilizzata a terra, dove aiuta a superare il problema dell'alimentazione intermittente delle fonti rinnovabili, ma la missione adesso annunciata da Toyota corrisponde al suo primo impiego in mare.

La nave crea idrogeno demineralizzando l'acqua di mare (eliminando il sale e gli ioni), separando quindi l'ossigeno e l'idrogeno attraverso l'elettrolisi. L'idrogeno viene compresso a 350-700 bar, quindi immagazzinato in serbatoi, ai quali attingeranno le batterie di energia quando sarà necessario.

Zune

Energy Observer è stata costruita in Canada nel 1983 dall'architetto navale Nigel Irens e questa missione, che avrà una durata di 6 anni, non sarà il primo record che fa segnare. Nel 1984, infatti, divenne la prima barca a vela da competizione a superare il limite delle 500 miglia percorse in 24 ore.

Adesso è molto più lunga rispetto al periodo in cui veniva usata per le gare, precisamente di quattro volte. La sua lunghezza è di 30,5 metri e la larghezza di 12,8 metri. Il peso è di 28 tonnellate, il che rappresenta da questo punto di vista un notevole vantaggio rispetto alle navi alimentate con gli accumulatori di carica elettrica.

Un team di oltre 30 persone, composto da architetti, progettisti e ingegneri, ha lavorato per preparare la nave per il suo viaggio di sei anni, in cui navigherà in 50 paesi e si fermerà in 101 porti. Il prossimo anno Energy Observer toccherà le coste del Regno Unito mentre nel 2020 è prevista una visita a Tokyo in occasione dei Giochi Olimpici.

La nave è capitanata dal pilota professionista Victorien Erussard, e sarà accompagnato da Jérôme Delafosse, regista esperto in riprese subacquee. Durante il viaggio, infatti, verranno prodotti diversi contenuti di tipo documentaristico a proposito di fonti energetiche rinnovabili. Alla fine l'opera verrà trasmessa sotto forma di serie da otto episodi dalla rete televisiva francese Planète+.

"Energy Observer ha un duplice significato: riciclare un'imbarcazione affidabile e leggera già detentrice di un record mondiale e investire nella ricerca e nello sviluppo, anziché nei materiali compositi", ha detto Erussard.

Toyota già usa l'idrogeno come fonte di alimentazione di veicoli terrestri come la Toyota Mirai, oltre ad autobus, camion e carrelli elevatori.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

19 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
marco.magnaterra05 Luglio 2018, 15:04 #1
Su alcuni siti hanno da ridire che le caravelle del 1450 erano molto più veloci e che sta nave non ha alcun senso.
bonzoxxx05 Luglio 2018, 15:04 #2
Bel progetto, pensai ad una cosa simile ma i soldi furono un ostacolo enorme. È bello vedere che sia possibile
nickname8805 Luglio 2018, 15:52 #3
E questa sarebbe una nave ?

Quando parleremo di qualcosa più lunga di 100m allora potrà far notizia, altrimenti è inutile, la fonte grossa di inquinamento non sono le imbarcazioni di questo calibro, ma quelle ben più grosse.
nickname8805 Luglio 2018, 16:03 #4
Originariamente inviato da: Bivvoz
Si ma per studiare una nuova soluzione mica parti con una petroliera, prima provi in piccolo e poi sviluppi soluzioni analoghe più grosse.

Ma c'è bisogno di spiegarlo?

Il motore a scoppio esiste da oltre un secolo, è una tecnologia conosciuta anche se parliamo di idrogeno, se vuoi testare il motore ci sono i banchi appositi, non c'è bisogno di realizzarci tutta una nave attorno, per altro non di certo di forma tradizionale.

La domanda è ... si è in grado o meno di realizzare motori dotati di coppia e potenza pari agli attuali utilizzando idrogeno liquido ? E le risposte sono solamente due.

Di un motoretto per spingere sta bagnarola non ce ne facciamo niente, quando cominceremo a parlare di diverse decine di migliaia di cavalli e milioni di Nm allora sarà un altro discorso.
Haran Banjo05 Luglio 2018, 16:35 #5
Tutti scienziati qua dentro
bonzoxxx05 Luglio 2018, 16:50 #6
In questo caso l'idrogeno viene usato nelle celle a combustibile, dato che permette una densità di stoccaggio maggiore delle comuni batterie siano esse al piombo o al litio.
thresher325305 Luglio 2018, 16:52 #7
Originariamente inviato da: Haran Banjo
Tutti scienziati qua dentro


Ovviamente. Su HWU sono tutti laureati contemporaneamente in legge, medicina, ingegneria, informatica, biomedica e scienze politiche.
bonzoxxx05 Luglio 2018, 17:11 #8
Originariamente inviato da: thresher3253
Ovviamente. Su HWU sono tutti laureati contemporaneamente in legge, medicina, ingegneria, informatica, biomedica e scienze politiche.


A dire il vero basta fare una ricerca su google per avere un'idea della questione trattata nell'articolo, poi ovviamente se qualcuno ne sa di più della materia e vuole condividere sul thread la sua conoscenza ben venga.
bonzoxxx05 Luglio 2018, 17:13 #9
Originariamente inviato da: nickname88
Il motore a scoppio esiste da oltre un secolo, è una tecnologia conosciuta anche se parliamo di idrogeno, se vuoi testare il motore ci sono i banchi appositi, non c'è bisogno di realizzarci tutta una nave attorno, per altro non di certo di forma tradizionale.

La domanda è ... si è in grado o meno di realizzare motori dotati di coppia e potenza pari agli attuali utilizzando idrogeno liquido ? E le risposte sono solamente due.

Di un motoretto per spingere sta bagnarola non ce ne facciamo niente, quando cominceremo a parlare di diverse decine di migliaia di cavalli e milioni di Nm allora sarà un altro discorso.

Parlare di motore a scoppio quando nell'articolo si parla di batterie di energia (probabilmente fuel cell) significa non aver letto l'articolo.
khuzul05 Luglio 2018, 18:22 #10
Originariamente inviato da: nickname88
Il motore a scoppio esiste da oltre un secolo, è una tecnologia conosciuta anche se parliamo di idrogeno, se vuoi testare il motore ci sono i banchi appositi, non c'è bisogno di realizzarci tutta una nave attorno, per altro non di certo di forma tradizionale.

La domanda è ... si è in grado o meno di realizzare motori dotati di coppia e potenza pari agli attuali utilizzando idrogeno liquido ? E le risposte sono solamente due.

Di un motoretto per spingere sta bagnarola non ce ne facciamo niente, quando cominceremo a parlare di diverse decine di migliaia di cavalli e milioni di Nm allora sarà un altro discorso.


Io non capisco se fai apposta a trollare oppure se credi a quello che scrivi. Nel primo caso considera che tu ti ci diverti, ma magari gli altri no. Nel secondo caso significa che non hai la minima idea di come funziona il progresso tecnologico, e che non hai le capacità per impararlo.

Anche un questo caso, le risposte sono solamente due.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^