Volkswagen investe 200 milioni di dollari per raddoppiare l'autonomia delle batterie EV

Volkswagen investe 200 milioni di dollari per raddoppiare l'autonomia delle batterie EV

L'impegno è per lo sviluppo di batterie a stato solido dalla maggior densità di carica rispetto alle attuali batterie litio-ione

di pubblicata il , alle 14:21 nel canale Tecnologia
Volkswagen
 

Le batterie ad alta densità, capaci di mettere a disposizione elevate autonomie e tempi di ricarica più ridotti sono per Volkswagen la chiave - diremmo abbastanza scontata e condivisibile - per spingere i veicoli elettrici nel mercato di massa. Una convizione che il produttore tedesco concretizza con un investimento di 200 milioni di dollari in QuantumScape, innalzando la posta in gioco rispetto ad un investimento di 100 milioni di dollari già effettuato in precedenza nella stessa società.

QuantumScape è una realtà nata da un progetto di ricerca e sviluppo dell'Università di Stanford con l'obiettivo di partire dalle sperimentazioni di laboratorio per realizzare una batteria a stato solido che possa essere prodotta con logiche di scala e utilizzbile sui veicoli elettrici. Le batterie a stato solido hanno la peculiarità di utilizzare un elettrolita solido, appunto, rispetto agli elettorliti liquidi normalmente utilizzati nelle batterie litio-ione di oggi. Rispetto a queste, le batterie a stato solido avranno maggior densità di carica a parità di ingombri. Un'auto elettrica che faccia uso di batterie a stato solido, rispetto alle attuali batterie litio-ione delle stesse dimensioni, potrebbe facilmente raddoppiare la propria percorrenza per singola carica: ciò significherebbe, a grandi linee, che vetture oggi in grado di percorrere 300km per singola carica potrebbero arrivare ad una percorrenza di 600km, più in linea con le autonomie di veicoli con motore termico.

"Volkswagen sta portando la mobilità elettrica alle masse. Un forte posizionamento nelle batterie è un fattore decisivo a questo scopo. Stiamo assicurandoci una base di fornitura globale con produttori efficienti, costruendo gradualmente capacità produttive e conducendo lo sviluppo di tecnologie d'avanguardia. Ci concentriamo su partnership strategiche di lungo termine" ha dichiarato Frank Blome, responsabile Battery Cell per Volkswagen Group Components.

Difficilmente però potremo vedere nel breve termine veicoli Volkswagen equipaggiati con batterie a stato solido, in quanto il processo di sviluppo ha ancora parecchia strada da fare. Se non dovessero sorgere intoppi è verosimile ipotizzare la realizzazione di uno stabilimento pilota per esperimenti di produzione, con una tabella di marcia che potrebbe essere annunciata più avanti nel corso dell'anno.

Sul lungo periodo Volkswagen ha intenzione di portare sul mercato 75 nuovi veicoli elettrici per i suoi vari brand - VW, Audi, Porsche, SEAT - nel giro dei prossimi 10 anni. Molti di questi veicoli saranno basati sulla piattaforma MEB, un'architettura particolarmente flessibile e ideata nello specifico per i veicoli elettrici e di cui ID.3 sarà la prima concretizzazione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
polkaris17 Giugno 2020, 15:26 #1
Si parla da tempo di batterie a stato solido per veicoli elettrici, ma non trovo nulla su una anche vaga idea dei tempi per arrivare a modelli di produzione. Sarebbero molto interessanti anche per le bici elettriche.
gomax17 Giugno 2020, 18:10 #2
200 milioni bastano giusto per il rinfresco di benvenuto agli ingegneri che si occuperanno dello sviluppo
L'elettrico per le masse è ancora lontano...

Ciao

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^