Toyota non si arrende: ecco la Yaris a idrogeno, iniettato direttamente nei cilindri

Toyota non si arrende: ecco la Yaris a idrogeno, iniettato direttamente nei cilindri

Toyota abbraccia l'elettrico, ma non molla il primo amore, ovvero l'idrogeno. Debutta anche la Yaris con il prezioso gas iniettato direttamente in un motore turbo a combustione

di pubblicata il , alle 08:39 nel canale Mercato
Toyota
 
127 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
bs8206 Dicembre 2021, 10:41 #11
Originariamente inviato da: agonauta78
Ps l'idrogeno si ottiene attualmente dal petrolio


Capisco la tua critica implicita e la condivido, ma ti correggo: l'idrogeno si ricava, ad oggi, principalmente dal Gas Metano.
Ed è per questo che è ancora un vettore energetico che "inquina" moltissimo durante tutto il processo produttivo.
bonzoxxx06 Dicembre 2021, 10:43 #12
Originariamente inviato da: bs82
Capisco la tua critica implicita e la condivido, ma ti correggo: l'idrogeno si ricava, ad oggi, principalmente dal Gas Metano.
Ed è per questo che è ancora un vettore energetico che "inquina" moltissimo durante tutto il processo produttivo.


Oltre ad essere un gas serra 30 volte più "aggressivo" della CO2.

In pratica la decarbonizzazione viene a monte
rigelpd06 Dicembre 2021, 10:45 #13
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Togli gli incentivi dei vari governi e poi vediamo.


Perchè secondo te i governi non incentivano anche l'idrogeno?

Posso farti notare che la stragrande maggioranza degli incentivi sono agnostici rispetto al tipo di motore e quello che conta è solo l'impatto in termini di CO2?
s0nnyd3marco06 Dicembre 2021, 11:11 #14
Originariamente inviato da: Darkon
Giusto per darti un'idea di come funzionano certe cose.


Trovi mille video di persone che fanno elettrolisi e poi fanno una piccola bolla a dir tanto da diciamo un cm3 e poi lo fanno detonare.

Ora te pensa che quella è una miscela probabilmente sbilanciata, incendiata in maniera non ottimale e che nonostante questo fa una botta che se non sei in sicurezza è anche piuttosto rischiosa.

Ora molti si lamentano dei rischi delle batterie... te pensa una bombola a 700bar di idrogeno che se detona ha il potenziale esplosivo talmente elevato che per fartela molto semplice non cercano nemmeno qualche resto. Sarebbe una detonazione catastrofica e che probabilmente ucciderebbe anche tutti quelli che si trovano relativamente vicini.

E mi vuoi dire che viaggeresti su una auto a idrogeno?! L'idrogeno è estremamente pericoloso poi perché a differenza degli idrocarburi è anche molecolarmente estremamente piccolo. Quindi per farti un esempio la benzina non necessita di particolari tecnologie... il serbatoio al di là di alcuni sistemi di sicurezza è essenzialmente un contenitore.

Per l'idrogeno invece serve qualcosa che non sia permeabile anche a livello molecolare e il minimo danno (si parla di danni a livelli atomici eh) potrebbe causare una perdita impercettibile ma che potrebbe nel tempo creare un accumulo.

Se già adesso ci si pone il problema per le auto a gas (infatti in molti parcheggi sotterranei non possono entrare proprio per il rischio che una eventuale perdita si accumuli) pensa te quanto sarebbe più rischioso l'idrogeno.

Qua non si parla di differenze tra idrogeno ed elettrico sulla comodità o su problemi di tempistiche... la differenza grossa è che nell'elettrico salvo fare cose veramente molto grosse non rischi, con l'idrogeno invece i rischi ci sono eccome.


Non sono ne un esperto di sicurezza nel settore dei gas ne un ingegnere del settore automobilistico, ma se Toyota e' riuscita ad ingegnerizzarlo e commercializzare il veicolo avra' superato i test di sicurezza in atto nei vari mercati. Anche BMW aveva fatto la stessa cosa con delle serie 7, quindi ritengo che non sia una cosa infattibile.
Darkon06 Dicembre 2021, 11:18 #15
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Non sono ne un esperto di sicurezza nel settore dei gas ne un ingegnere del settore automobilistico, ma se Toyota e' riuscita ad ingegnerizzarlo e commercializzare il veicolo avra' superato i test di sicurezza in atto nei vari mercati. Anche BMW aveva fatto la stessa cosa con delle serie 7, quindi ritengo che non sia una cosa infattibile.


Tutto è fattibile... anche i dirigibili a idrogeno hanno servito per anni e la gente ci viaggiava.

Il punto è il rischio potenziale: per farti capire se una batteria al litio brucia è pericolosa senza ombra di dubbio per tanti motivi che non staremo qua ad analizzare ma salvo eventi molto sfortunati basta che ti allontani e hai il tempo di scappare e metterti in sicurezza. La differenza con l'idrogeno sta proprio in questo rischio potenziale. Con l'idrogeno se un sistema di sicurezza fallisce non hai margine... è un'esplosione istantanea e senza speranza di sopravvivere.

Paradossalmente la benzina è molto più sicura perché comportandosi come un liquido tende ad andare a terra e quindi allontanarsi dal veicolo incidentato. Certo può incendiarsi ma non è così facile.

L'idrogeno invece in caso di perdita si diffonde intorno con tendenza a salire verso l'alto e basta una scintilla in un qualsiasi punto per scatenare un ritorno di fiamma catastrofico.

Non è un caso se anche in laboratorio (non so se hai mai fatto chimica) gas come l'idrogeno sono sempre custoditi molto bene e non te li fanno certo maneggiare alla prima specialmente se non sei esperto perché ripeto con quei gas basta una disattenzione, una cappa che non funziona bene e fai i crateri.

Per farti un esempio io ho maneggiato taniche di benzina (ad esempio quando vado a fare rifornimento per il tagliaerba) senza avere particolare paura... ero tranquillo. Se dovessi maneggiare una bombola di idrogeno lo farei invece con tutt'altro stato d'animo.
s0nnyd3marco06 Dicembre 2021, 11:25 #16
Originariamente inviato da: Darkon
Tutto è fattibile... anche i dirigibili a idrogeno hanno servito per anni e la gente ci viaggiava.

Il punto è il rischio potenziale: per farti capire se una batteria al litio brucia è pericolosa senza ombra di dubbio per tanti motivi che non staremo qua ad analizzare ma salvo eventi molto sfortunati basta che ti allontani e hai il tempo di scappare e metterti in sicurezza. La differenza con l'idrogeno sta proprio in questo rischio potenziale. Con l'idrogeno se un sistema di sicurezza fallisce non hai margine... è un'esplosione istantanea e senza speranza di sopravvivere.

Paradossalmente la benzina è molto più sicura perché comportandosi come un liquido tende ad andare a terra e quindi allontanarsi dal veicolo incidentato. Certo può incendiarsi ma non è così facile.

L'idrogeno invece in caso di perdita si diffonde intorno con tendenza a salire verso l'alto e basta una scintilla in un qualsiasi punto per scatenare un ritorno di fiamma catastrofico.

Non è un caso se anche in laboratorio (non so se hai mai fatto chimica) gas come l'idrogeno sono sempre custoditi molto bene e non te li fanno certo maneggiare alla prima specialmente se non sei esperto perché ripeto con quei gas basta una disattenzione, una cappa che non funziona bene e fai i crateri.

Per farti un esempio io ho maneggiato taniche di benzina (ad esempio quando vado a fare rifornimento per il tagliaerba) senza avere particolare paura... ero tranquillo. Se dovessi maneggiare una bombola di idrogeno lo farei invece con tutt'altro stato d'animo.


No, non ho fatto chimica all'universita' quindi non sono certamente esperto di come si gestiscano sostanze chimiche esplosive.
Ritenevo che il rischio dell'idrogeno fosse pari a quello del gas metano (se non sbaglio il rifornimento deve essere fatto dal personale della stazione di servizio e non dall'utente in autonomia).
Sp3cialFx06 Dicembre 2021, 11:26 #17
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Probabilmente mi sfuggono, ma anche le elettriche non sono esenti, tra cui tempi di ricarica, luoghi di ricarica (non tutti hanno il box auto) e degrado delle batterie nel tempo.
Toyota ci ha investito ed il risultato si chiama Mirai (anche se basata su fuelcell).
Se avesse il supporto che ora l'Europa sta dando all'elettrico (VW deve vendere le IDx), i risultati sarebbero diversi.


è interessante che metti come limite dell'elettrico i luoghi di ricarica quando puoi ricaricarlo a casa e in 25.000 punti in tutta Italia. Idrogeno? CINQUE. No, non cinquemila, CINQUE, in tutta Italia

l'idrogeno è un casino da stoccare ed è un casino da gestire (come diceva bene Darkon diventa un problema enorme anche solo non avere perdite, perché l'idrogeno si insinua dappertutto), costa tanto, difficile produrlo green, eccetera eccetera... è una soluzione che è già al capolinea, mentre le auto elettriche continuano a migliorare
bonzoxxx06 Dicembre 2021, 11:27 #18
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
No, non ho fatto chimica all'universita' quindi non sono certamente esperto di come si gestiscano sostanze chimiche esplosive.
Ritenevo che il rischio dell'idrogeno fosse pari a quello del gas metano (se non sbaglio il rifornimento deve essere fatto dal personale della stazione di servizio e non dall'utente in autonomia).


Purtoppo è molto, molto più potente ma al tempo stesso più volatile.
Sp3cialFx06 Dicembre 2021, 11:32 #19
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Ritenevo che il rischio dell'idrogeno fosse pari a quello del gas metano (se non sbaglio il rifornimento deve essere fatto dal personale della stazione di servizio e non dall'utente in autonomia).


no purtroppo è molto più rognoso e meno pratico del metano

tendono a non usarlo più nemmeno per i razzi, dove comunque veniva usato liquido a temperature criogeniche
rigelpd06 Dicembre 2021, 12:01 #20
Originariamente inviato da: Sp3cialFx
no purtroppo è molto più rognoso e meno pratico del metano

tendono a non usarlo più nemmeno per i razzi, dove comunque veniva usato liquido a temperature criogeniche


Si potrebbe persino affermare che il metano non è altro che idrogeno reso più stabile e versatile grazie al legame con la CO2,

combustione del metano:

CH4 + 2O2 = 2H20 + CO2

difatti nelle celle a combustibile l'idrogeno si unisce all'ossigeno per generare acqua. Nel caso della combustione del metano si produce acqua e CO2...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^