Tesla Cybertruck: è davvero a norma?

Tesla Cybertruck: è davvero a norma?

Se negli Stati Uniti le case automobilistiche hanno la possibilità di omologare le proprie vetture in autonomia, nel caso dell'Europa devono sottostare a una serie di norme così come determinate dalle direttive del Parlamento Europeo

di pubblicata il , alle 20:01 nel canale Tecnologia
Tesla
 

Su Tesla Cybertruck è stato ormai detto tutto e il contrario di tutto: a partire dal famoso caso dei vetri andati in frantumi nel corso della presentazione al garage in monoscocca pensato per ospitarlo, Tesla Cybertruck è finito anche nei videogiochi. Ma non si è discusso dell'aspetto forse più importante, ovvero che il nuovo pickup elettrico non può essere omologato in tutti i mercati, e con particolare riferimento all'Europa, dove le direttive comunitarie sono più stringenti.

Test Euro NCAP

Servirebbe, infatti, una serie di ritocchi. Se negli Stati Uniti, infatti, le case automobilistiche hanno la possibilità di omologare le proprie vetture in autonomia, nel caso dell'Europa devono sottostare a una serie di norme. Per poter essere omologato in Europa, innanzitutto, un veicolo deve superare i test Euro NCAP. E nel caso di Tesla Cybertruck potrebbero esserci difficoltà a dimostrare che il veicolo è in grado di assorbire frontalmente l'energia in caso di impatto in modo tale da poter opportunamente proteggere tutti gli utenti della strada.

Tesla Cybertruck

Tesla Cybertruck, infatti, è progettato per essere il più rigido possibile allo scopo di non danneggiare la carrozzeria anche nel caso degli incidenti più consistenti. Questo concetto va in contraddizione rispetto alle disposizioni europee, che invece prevedono un'alta deformabilità delle carrozzerie proprio allo scopo di assorbire l'energia prodotta dall'impatto.

Bisogna allo stesso tempo sottolineare come le vetture Tesla ricevano quasi sempre valutazioni molto lusinghiere dai test Euro NCAP, arrivando quasi sempre alle 5 stelle. Si tratta di valutazioni brillanti perché le Tesla traggono beneficio dalla natura di auto elettriche. Le prestazioni di impatto sono migliori anche per l'assenza di un motore meccanico e per via del basso centro di gravità della vettura.

Fari e tergicristalli

I test Euro NCAP non sono l'unico ostacolo per Tesla Cybertruck sulla strada dell'omologazione in Europa. Il Cybertruck avrebbe sicuramente bisogno di un altro tipo di fari per sostituire la striscia LED minimalista del prototipo. Inoltre, dovrebbe equipaggiare dei tergicristalli, che potrebbero non aderire perfettamente alle linee spigolose con cui il progetto è stato originalmente ideato.

Specchietti retrovisori

Problemi anche per gli specchietti retrovisori. Come è possibile verificare nella foto, Tesla Cybertruck usa un sistema digitale basato su piccole telecamere (si possono vedere nella parte nera sul passaruota), similmente a quanto avviene con Audi E-tron, il nuovo SUV elettrico già in vendita in Europa e regolarmente omologato. La Direttiva Europea sull'omologazione dei dispositivi per la visione indiretta, infatti, considera conformi sia i sistemi a specchi che a telecamera e monitor, a patto che percepiscano lo spettro visivo prescritto. Sono obbligatori lo specchietto laterale sinistro, così come quello destro (salvo in casi limite), oltre allo specchietto retrovisore interno. Devono essere presenti specchietti esterni fisici, e questo contrasta con la linea originale di Tesla Cybetruck. Questa norma, inoltre, è presente anche negli Usa oltre che in Europa.

Tesla Cybetruck

Anche la dimensione degli pneumatici non è a norma, visto che sporgono rispetto al parafango, non aderendo alle norme né in Europa né in Usa.

Pre-ordini

Nonostante tutto questo, Tesla Cybetruck si può già pre-ordinare sul sito ufficiale nelle varianti Single Motor RWD, Dual Motor AWD e Tri Motor AWD, con le consegne delle prime due previste nel 2022 e della Tri Motor AWD nel 2023. Basta versare un anticipo di 100 Euro (comunque rimborsabili) per prenotare un posto in lista di consegna e completare la configurazione quando si approssimerà l'inizio della produzione, previsto per il 2021.

La variante intermedia a doppio motore con trazione integrale è capace di 482 km di autonomia e avrà un prezzo di 49.000 dollari. Per quanto riguarda invece la versione trimotore top di gamma possederà un'autonomia di 804 km e costerà 69.000 dollari. La Tesla ha dichiarato che questa variante trimotore sarà in grado di accelerare da 0 a 100 km/h in 2,9 secondi e di raggiungere la velocità massima di 200 km/h, oltre a essere capace di trainare fino a 6.350 kg.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

21 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Ginopilot17 Dicembre 2019, 20:22 #1
Che problema c'e', si cambiano le norme, musk ha ragione, sbagliano gli altri.
Bestio17 Dicembre 2019, 20:44 #2
Proprio quello che ho pensato fin dalla presentazione.
E ancora non si hanno info sul peso... secondo me anche se arrivasse in Italia, supererebbe le 3,5t e quindi per guidarlo ci vorrebbe la patente C, limitazione a 90Km/h e cronotachigrafo...
+Benito+17 Dicembre 2019, 20:46 #3
è esattamente il contrario, la carrozzeria è flessibile per non danneggiarsi, se fosse rigidissima si segnerebbe subito...
thecatman17 Dicembre 2019, 20:48 #4
americanate, lasciamogliele
Utonto_n°117 Dicembre 2019, 22:10 #5
In rete c'è un video di Musk che va al ristorante con sto Cybertruck, come ha fatto a circolare? lo potevano fermare e poi sequestro più multona memorabile?
_Wu-hsin_17 Dicembre 2019, 22:26 #6
Se ricordo bene, i dipendenti di una compagnia possono circolare con mezzi non ancora omologati, penso servano dei permessi speciali ma non si sono grossi problemi.

Comunque, oltre ai problemi citati nell'articolo.. In europa non vige una regola che impone alle case automobilistiche di non usare angoli netti? Devono essere tutti smussati per la sicurezza dei pedoni. Se non sbaglio è stato uno dei motivi della messa fuori in produzione del Defender.. (tornato tristemente in produzione sotto le vesti di un comune suv).
Mparlav17 Dicembre 2019, 22:36 #7
Il mercato europeo è l'ultimo problema per commercializzare i pickup.
Per il suv model Y, invece, si adegueranno come hanno fatto con gli altri modelli.

Comunque parliamo di un modello che esce tra 2 anni.
Bestio18 Dicembre 2019, 00:16 #8
Originariamente inviato da: Utonto_n°
In rete c'è un video di Musk che va al ristorante con sto Cybertruck, come ha fatto a circolare? lo potevano fermare e poi sequestro più multona memorabile?


Avrà avuto l'equivalente USA della "targa prova".
giljevic18 Dicembre 2019, 01:04 #9
Originariamente inviato da: Utonto_n°
In rete c'è un video di Musk che va al ristorante con sto Cybertruck, come ha fatto a circolare? lo potevano fermare e poi sequestro più multona memorabile?




Negli USA se la cosa ha un volante, fari, spechietti retrovisori e frni puo circolare... non e neanche il piu grosso pickup.
lo hanno fatto di grandezza media, una cosa che vedo molti si sono scordati dal lancio del cybertruck
Unrue18 Dicembre 2019, 09:41 #10
Per poter essere omologato in Europa, innanzitutto, un veicolo deve superare i test Euro NCAP


Siete sicuri di questa cosa? Che io sappia i test Euro NCAP non sono vincolanti.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^